IL PASTO SGARRO / PASTO LIBERO

Tags :

Prima di tutto vorrei suggerirti di cominciare a chiamarlo non più pasto sgarro, ma PASTO LIBERO.

Che ne pensi?

Cerco sempre di più di far capire il concetto che:  il pasto libero, non deve essere vissuto come “la sola finestra di tempo che abbiamo per mangiare qualunque cosa ci siamo private di mangiare nei giorni precedenti” e non deve neanche diventare il : “beh, ormai non mi sono attenuta al piano ieri sera, allora non lo faccio neanche oggi.… da dopo il weekend mi rimetto in linea”.

No.

Cerchiamo di pensare al pasto libero come ad un momento di LIBERTA’ MENTALE. Di leggerezza, di convivialità in famiglia, con gli amici o anche con noi stesse, per concederci quel qualcosa di diverso che in settimana non mangiamo o non abbiamo tempo di cucinare!

Il pasto libero può essere una bella colazione al bar con le amiche, una cena fuori con il compagno, un pranzo in famiglia. Insomma, un’occasione di relax nella quale non dobbiamo pensare alle associazioni dei cibi o alle grammature. Possiamo sentirci libere.

Prova a riflettere come vivi questi momenti. Rilassati e sorridi.

Il Pasto libero è fondamentale che sia vissuto in modo equilibrato e sereno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.